«

»

ott 20

Stampa Articolo

ASSM&CAMERINO: SALTO NEL BUIO PER LA NUOVA GESTIONE IDRICA

locale long

Per l’ennesima volta, la città di Camerino subisce la totale assenza di consultazione davanti a decisioni importanti per  la comunità, solo a posteriori sottoposte al giudizio della medesima: se in agosto una seduta di consiglio comunale ha deliberato l’individuazione dell’ ASSM di Tolentino per la gestione operativa del servizio idrico integrato, in adempimento a pressanti obblighi di legge, solo ad ottobre abbiamo finalmente avuto la convocazione di un incontro pubblico sul tema.

Emerge una situazione drammatica, che rispecchia la routine del consiglio camerte: immobilità decisionale della maggioranza fino agli ultimi momenti, anche su temi dichiaratamente molto complessi.

Ed assoluta inefficacia di un’opposizione che il buon senso fatica a chiamare tale. Salita in consiglio anch’essa quasi un anno e mezzo fa, aveva forse tutto il tempo necessario per affrontare problematiche ‘pendenti’ ed urgenti come questa.

Di fatto, lo stesso capogruppo  di opposizione Trojani afferma ‘questa è una vicenda che andava gestita già all’ epoca de ll’amministrazione Conti ”..Ci chiediamo dunque dove sia stata la minoranza consiliare nell’ultimo anno.

 Ma nella confusione di formali scaramucce tra maggioranza e opposizione, alcune questioni sono state trascurate da entrambi gli schieramenti, ma ci appaiono estremamente gravi e pericolose:

. al di là di mere rassicurazioni epistolari e private tra Sindaco Pasqui e vertici ASSM, allo stato attuale non esistono documenti ufficiali che indichino quota di partecipazione nella società, quindi se e quanto avrà voce in capitolo la città di Camerino nelle assemblee soci e, quindi, nelle decisioni più importanti;

. da lettera privata inviata da ASSM al nostro sindaco, ed illustrata dal primo cittadino stesso, apprendiamo di futura ricollocazione e trasferimento del personale in forza all’ente camerte, nell’organico di ASSM. Ci chiediamo allora e pretendiamo con forza risposte ad alcune domande: con quali modalità e garanzie, per la normale tenuta del servizio e, soprattutto, per i lavoratori?  

 

Infine vogliamo porre attenzione su un aspetto fondamentale, e molto delicato, totalmente ignorato dai nostri amministratori: la situazione finanziaria ed economica del comune di Tolentino, in quota maggioritaria della società ASSM (99,9807%). 

A seguito di interrogazione parlamentare della senatrice del MoVimento cinque Stelle Serenella Fucksia, in merito ad un disavanzo in bilancio di 2 milioni 590 mila euro dello stesso comune tolentinate, quest’ultimo è stato oggetto addirittura di una richiesta di chiarimenti da parte del Ministero dell’interno.

Contemporaneamente il gruppo consiliare del MoVimento cinque Stelle di Tolentino nelle sedute del consiglio comunale locale ha ampiamente trattato e sollevato il tema, fino a presentare formale esposto alla Corte dei conti.

 

Fa anche sorridere, amaramente, pensare che già a maggio di quest’anno Il gruppo consiliare del PD di Tolentino esprimeva pubblicamente tutta la sua «preoccupazione per il debito di bilancio ed ancor di più per le modalità con cui si vuole ripianarlo», chiedendosi «l’Assm salverà il comune, chi salverà l’Assm?» e sostenendo che «un buco di 2 milioni e 600mila euro è un fatto grave che non era mai accaduto prima nella storia della città’’(Fonte: CronacheMaceratesi del 3/5/2015). Forse che al nostro PD locale, nella persona del segretario Caprodossi uno dei maggiori sostenitori del consigliere tolentinate Comi, sfuggono le notizie dei comuni attigui? O si tratta di altro?

 

La situazione non appare troppo felice.

 

Alla luce di ciò, Siamo certi che sia saggio divenire soci di una municipalizzata che è in larghissima maggioranza nelle mani di un solo comune? ..

E se fosse colpito da eventuale pesante dissesto finanziario? Cosa potrebbe accadere se Tolentino, nella disperata ricerca di liquidità, vendesse le sue quote? C’è forse il rischio di ‘interazioni’ private?

Come mai queste domande non rientrano nelle attente valutazioni che i nostri amministratori affermano di aver fatto per la loro scelta? Forse è il caso di procedere con ulteriori valutazioni?

 O, più semplicemente, il problema non si pone quando a pagare sono i cittadini?

  

Permalink link a questo articolo: http://www.camerino5stelle.it/assmcamerino-salto-nel-buio-per-la-gestione-idrica/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Questo sito utilizza cookie tecnici. I cookie tecnici sono necessari per erogare i suoi contenuti. Questo sito potrebbe utilizzare cookie di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi negare il consenso a tutti i cookie esci dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informativa | Chiudi